Google+ Followers

lunedì 8 giugno 2015

Pendole, pendolini e carte

Ho scoperto di essere incline all'arte forse troppo tardi, sapevo che c'era qualcosa in me che mi avrebbe prima o poi spinto verso questo magico ed immenso mondo,ma ancora non ne ero consapevole davvero.
Ci sono giorni in cui penso che non farò mai questo lavoro, che il mio destino è un altro.
Ho un desiderio, anche più di uno veramente, ma uno di questi riguarda proprio l'arte.
Voglio fare la scrittrice! Qualcuno mi ha detto che lo sono già, qualcun altro che non lo sarò mai, altri che devo praticare un lavoro e non un hobby.
E' un desiderio talmente radicato in me che alla fine ascolto solo ciò che il mio istinto mi dice, ovvero di perseguire l'obiettivo che mi sono prefissata.
Forse non sarò una scrittrice affermata, forse non sarò l'Isabella Allende di turno, ma io voglio credere che sarò in grado di comunicare qualcosa attraverso la mia scrittura, di raccontare storie a chi le vorrà ascoltare oppure a chi semplicemente è curioso.
Non voglio convincere nessuno né tanto meno fare l'eterna sognatrice, ma sono convinta che gli obiettivi qualsiasi essi siano, se importanti, non vanno mai sottovalutati o accantonati.

Buona strada a tutti, la mia la sto attraversando piano piano.

Giulia