Google+ Followers

martedì 1 novembre 2016

ROAD TO LUCCA: PARTE 1


ROAD TO LUCCA: PARTE 1
La fiera

Sono ancora molto frastornata,  Venerdì 28 è stata una giornata speciale, qualcosa che difficilmente potrò dimenticare. Faccio persino fatica a scrivere tutto ciò che ho sentito, provato e visto; è stato il viaggio più breve ed intenso che io abbia mai fatto!

Dove siamo stati? Non ve l’avete ancora intuito?? Ovviamente a Lucca, in occasione dell’evento che ogni anno tutti aspettano con trepidazione: il “Lucca Comics & Games”. Un evento al quale non avevo mai partecipato, ma che vale la pena sperimentare almeno una volta nella vita, me ne hanno sempre parlato come la manifestazione di punta per un artista e in effetti lo è.

Sono passati un paio di giorni da quando siamo tornati e per la prima volta dopo tanti anni, dopo un evento così bello, provo una malinconia che non mi concedevo da molto tempo.

Tutte le emozioni sono concentrate dentro di me e come una piccola bomba vogliono uscire e prendere forma, vogliono vivere; così adesso lascio che facciano il loro personale viaggio...

Zerocalcare intento a disegnarci "Er Paturnia-zombie"
Ho incontrato professionisti di grande rispetto e calibro, ho visto uno Zerocalcare arrivare al firma copie dall’ingresso principale solo, con uno zainetto e la sua tipica felpa “anni novanta”. Sembrava uno studente che andava a seguire una lezione. Invece la lezione ce l’ha data lui realizzando un disegno perfetto, bello e pieno di talento.
Vanna ci spennella una Bambina "incuriosita"



Ho anche incontrato la mitica 
Vanna Vinci, l’autrice di “Sophia” e della “Bambina filosofica”, una donna piena di fascino artistico, forse un po’ segnata dalla routine dell’editoria, ma ancora piena di tanta voglia di fare!  

Poi è stata la volta di un’altra disegnatrice romana, carina, intelligente e concentrata, una persona che aspettavo di incontrare da tempo, con la quale ci siamo date appuntamento perché entrambe avevamo voglia di parlare e di conoscere chi c’era dall’altra parte della tastiera. 

Sto parlando di Simona Binni, autrice di “Amina e il Vulcano”, “Dammi la mano” e “Silverwood lake” tutti editi dalla variopinta casa editrice Tunuè.
Ho chiacchierato con lei come fosse un’amica che non vedevo da tanto tempo, nonostante il poco tempo mi ha fatto conoscere molto del suo mondo e del suo lavoro; per questo le sarò sempre grata!
Di lei e del suo fumetto vi parlerò più avanti... anche perché ci sarà una piccola sorpresa per voi ;)

Davide (di spalle) in fila mattutina per Zerocalcare...
Non so spiegarvi nello specifico cosa ho provato, Lucca è un tripudio di accenti, di dialoghi, di colori e di rumori, di passi che corrono da una parte all’altra in attesa di vedere il proprio idolo.

Tuttavia se posso permettermi, una piccola nota dolente esiste, le lunghe ed interminabili attese per avere la firma di molti artisti, era difficile persino capire dove iniziava la fila. Inoltre se c’erano due autori della stessa casa editrice era necessario scegliere da chi andare per primo e questo voleva dire rifare la fila due volte! Un’altra cosa spiacevole era che chi voleva solo la firma invece del disegno aveva il diritto di precedenza. Insomma c’è sempre qualcosa da aggiustare e sistemare. Lucca è un evento davvero immenso e mi rendo conto che ci saranno sempre delle cose da migliorare.

Mitico selfie con la Lorè!
Come non incontrare un’altra disegnatrice che ci sta davvero a cuore, ovvero Lorenza Di Sepio, con i suoi occhi grandi e il suo accento romano davvero simpatico. Non potevamo non far visita all’autrice di Simple&Madama, due simpaticissimi personaggi eternamente irriverenti. Siamo anche riusciti a fare un bellissimo “selfie” insieme a Lorenza... E’ bello notare che professionisti del suo calibro siano ancora tanto attenti alle persone e che riconoscano i propri fan.

Abbiamo salutato con piacere anche Felinia e Ribosio, non siamo riusciti a farci autografare il fumetto (fila abnorme!), ma siamo sicuri che ci saranno altre occasioni ;-)

Un episodio davvero carino mentre aspettavamo in fila per parlare con Lorè è stato che una nota professionista italiana (Federica Di Meo), conosciuta in precedenti fiere, si è fermata a salutarci riconoscendoci. Per noi è sempre davvero una grande soddisfazione!

In tutti questi incontri c’è una new entry simpatica, una voce squillante e un sorriso aperto alla gente. Sto parlando di Vanessa Cardinali, giovane disegnatrice che ci ha sorpresi per tanti motivi, autrice di storie per ragazzi come “Thunder Ben” e del nuovo promettente fumetto “Phlox” insieme allo sceneggiatore Tauro (Antonio Silvestri). Una grande professionista autrice anche di fumetti spiritosi e irrivirenti; vi dico solo un titolo, “Suore ninjaJ Inoltre  una storia che (mannagia la miseria!!!)  non ci ricordavamo di avere ovvero “Pan”, trasposizione in chiave moderna della nota fiaba di Peter Pan e vincitrice del concorso “Lucca Project Contest 2008”.
A breve, dopo che mi sarò ripresa dalle fatiche di Lucca, ovviamente farò una recensione sul mondo artistico di Vanessa ;-)

Mega-programma con tanto di tabella orari per incontrare tutti!
Ultima, ma non per ultima, voglio parlarvi della Self Area... Quest’anno è stata collocata all’interno di una chiesa sconsacrata in un luogo piuttosto defilato rispetto al cuore della fiera.
Tuttavia dopo aver sbagliato strada almeno una volta, siamo riusciti ad arrivare in questo immenso mausoleo pieno di artisti davvero di talento.

Non potevamo non stalkerizzare i Manticora Autoproduzioni, una realtà solida nel MondoFumetto che conosciamo da tempo. Adesso vi faccio una confessione, io e Davide volevamo incontrare soprattutto Anna Ferrari e Flavia Biondi. Ci siamo innamorati del loro stile di disegno. Ovviamente non sono gli unici talenti all’interno del collettivo, un gruppo davvero pieno di super- professionisti, ma abbiamo un debole per loro nello specifico. Ecco, adesso ve l’ho confessato! :-D
Chissà se un giorno proprio Anna e Flavia vorranno disegnare un mio racconto. Sarebbe un grande onore! Cercherò di esprimere più “disagio” possibile lo prometto (leggeteli e seguiteli, scoprirete il perché di codesta parola!)
Ovviamente non potevamo non acquistare il loro nuovo ed irriverente calendario intitolato
La maison La La’ e chiacchierare piacevolmente riguardo ai loro progetti futuri ;-)

Disegnini che abbiamo guadagnato in fiera!
Ci dispiace non aver raggiunto altri stand e artisti che speriamo di incontrare presto, ma il tempo non è stato dalla nostra parte, era davvero poco: girare il Lucca Comics and Games in un solo giorno è quasi impossibile! Spero di aver ringraziato tutte le persone che ho incontrato, se non fosse così mi scuso tanto, ci sarà modo in futuro.

Devo ringraziare assolutamente il mio compagno di vita e di viaggio Davide che pazzamente mi accompagna in ogni luogo e avventura possibile... e a volte anche impossibile! Senza di lui tutto questo non sarebbe stato possibile, non avrei conosciuto persone di questo calibro artistico e personale, non avrei davvero capito cos’è il mondo del fumetto, una realtà affascinante e in continuo mutamento!

Che dire ancora?

Un saluto “lucchese” a tutti!

La vostra blogger,

Giulia