Una lettera del "futuro" al "passato"... di Giulia De Nuccio



Qualche giorno fa mi sono imbattuta in un articolo curioso, difficile e divertente allo stesso tempo. Una giornalista (che conoscono personalmente) era stata invitata a partecipare ad una piccola iniziativa: scrivere una lettera a sé stesso adolescente.
E’ un'idea piuttosto curiosa e dopo aver letto le sue parole ho cominciato  a pensare a cosa avrei scritto io. 
Forse la mia lettera sarebbe stata più o meno così:

Cara Giulia,
come stai? Sono la Giulia del futuro, ho quarant’anni e vorrei scriverti qualcosa che spero ti rimanga. Ti sembrerà una pazzia ma alla fine credo che possa esserti utile.
Il futuro non è così spaventoso perché è solo il tempo che passa attraverso le scelte che tu farai. Non spaventarti, sarai una donna giudiziosa e buona. Voglio però darti alcune dritte...
Impara ad amarti tanto da non cedere nemmeno un pezzetto del tuo cuore a chi promette di starti accanto ma invece ha solo voglia di usarti. Impara a tenere gli occhi aperti e a riconoscere i veri amici da quelli che vogliono solo rubarti tempo e risorse, impara ad essere la persona buona che sei ma con oculatezza.
Goditi il tempo della spensieratezza e non irrigidirti mai solo per principio. Sii morbida e perdona chi ammette di sbagliare, non essere intransigente. Divertiti e commetti errori, ama il ragazzo sbagliato per poi capire chi è veramente quello giusto. Non ti fidanzare per non rimanere da sola e non ti voler sposare solamente perché tutti i tuoi amici lo fanno. Sii semplicemente Giulia e fai l’adolescente, tanto per crescere c’è tutto il tempo che vuoi.

Ti voglio bene piccola Giulia, cresci e rimani sempre la ragazzina solare che sei.

Un abbraccio,

La Giulia del futuro

Questo è quello che avrei detto se mi fossi confrontata con la me del passato. Insomma, il tempo aiuta a fare esperienza e quando si è giovani non si ha la sensazione di imparare ma in realtà lo si fa ogni giorno, ogni momento.

Che dire ancora?

Un saluto “futuristico” a tutti!

La vostra Blogger,

Giulia (quella del presente)

Commenti

Post popolari in questo blog

ROAD TO LUCCA PARTE 2: Silverwood Lake Simona Binni

STORIE DI VITA QUOTIDIANA: IL TEMPO NON BASTA MAI!

Un incontro, un sogno "un apprendista geniale" a cura di Giulia De Nuccio